RISPOSTA AD UN MESSAGGIO DI LIETTA CHE DICE…

“… ho appena saputo della tua sentenza, come sempre ti sono vicino incondizionatamente”.

Il riferimento è ovviamente alla sentenza App. Ancona e Perugia di conferma ora ancora in cssazione per aver fatto prevalete gli ultmi e i primi giudici la petestà punitiva sui diritti alla salute e alla difesa

Ma torniamo a Lietta, laureanda in giurisprudena ( e questo è importante per quanto dirò in appresso).Ero sgomento del fatto che Lietta si fosse fatta convincere delkla verià mediatica di Giletti.Infatti da quella trasmissione non si era fatta mai sentite.E ciò mi preoccupava enormente.La ragione è semplice : era anche Lei una debole 8sottoposta al potere mediatico) ma soprattutto temevo che anche in Lei albergasse il pregiudizion che tra prof. universiario e studentesse non ci possa essere amore (qualunque concezione di esso si abbia. E ciò mi preoccupava: avrebbe mai potuto fare dopo la laurea il buon giudice?

Per fortuna la cosa è risolta dal messaggio.Aguri e grazie, mia cara Lietta.

Approfondisci