“VERSO IL QUIRINALE”

La tsmissione omonima andata in onda sul primo canale con Paolo Mieli e la storica pro.Simona Colarizzi (1) doverebbe insegnare qualcosa.Personaggi di grande spessore come Luigi Einaudi, De Gasperi e Gronchi ecc e Scelbe con Togliatti erano persone più serie e soprattutto, pur nella diversità, si rispettavano avicenda.

Oggi non è così e nel pollaio litigano e si INSULTANO.Grande civiltà italiana!

mi dispiace soltanto di una cosa, francamente: che la nostra storica e mia collaga all’Università di Camerino, pur non pendendo ancora la bellezza d’un tempo. sia oggi un poò appassita.

(1) Simona, oltre che brava. era splendida col suo bel fisico tanto che io diedi nome ad un mio caprone (del” casale” come i media chiamarono a Camerino la mia casa in campagna a contrada S,Felice) quello di Simona epperò al maschile “Simone l’antifemmina”.La femmina per antonomasa era Simna tanto che la eleggemmo anche nostra Preside.

Approfondisci

PRECISAZIONI SULL’UOMO… E BERSANI

L’uomo non si può ridurre a ciò che produce e a ciò che consuma (Papa Francesco).E’ vero soltanto se la scelta è per l’essere e non per l’avere.L’abbaimo sempre detto e insegnato.

E d è evidente che l’accento va posto su come si produce e su che cosa si produce.Criterio della meritevolezza di tutela delle attività produttive.E beninè superflui nè inutili.

L’avevo detto a Bersani (ma Lui non ha capito) quando era Ministro dell’Industria facendogli avere la mia voce su “Industria e industrializzazione” (in Noviss. Dig: It.,utet ,Torino): E non mi ha neanche risposto.Era la reimpostazione della riflessione sulle attività produttive fondata sul criterio di meritevolezza di tutela da un lato e dall’altro sulla partecipazione e responsabilizzazione dei lavoratori.

Ma un uomo pieno di pemierato non ha capito.E peggio per lui; avrebbe imparato qialcosa.

Ora vuole andare avanti da solo e con le stampelle di Grillo.

Approfondisci