Repetita ; in ricordo di mio padre

2- VITA INVENTATA**  COL  SANTO

Che dirvi? Che avevo voglia di mangiare la zuppa inglese e ne ho ordinato una? Senza  che ci fosse alcuna rorrenza da ricordare  se non il ricordo di Donna  Concetta Mari lì allo scalo di Torano là dove, ora , c’ solo ri rudere di un palazzo signorile. Da piccolo,

  1. in ricordo di mio padre

 papà mi portava a fa visita a Lei. E chi sa che non c’era fra loro del tenero  visto che aveva sempre una sorpresa quella visita! Ora le grosse pesche bianche e profumate / una specialità per che se ne intende), ora il tè alla menta e quasi  sempre la zuppa inglese di cui papà era ghiotto ed io lo ero diventato con lui.

Fin qui la perfetta riemersione del ricordo che aveva generato quel desiderio  di gola, affiorante di tanto in tanto  e con esso le cose perdute.

Ma ora che fare con la torta ordinata?. Mangiarla solo noi due, io e Lei? E già, sarà proprio così. Ma come giustificare la cosa.

Ed ecco la sorpresa. Ci sono nomi per tutti i….

Sfoglio il calendario appeso in cucina ma non di quelli che li hanno.

E allora?

Inventarne uno: Un nome? e che non basta il mio!

SANT’EZIO, cadde non dalla sedia ma il 4 Agosto. E ancora si festeggia proprio quel giorno. Inventato o no,  tutti  gli amici sanno che è la ricorrenza del mio onomastico.

Bussano alla porta, sono Filomena e Mario che sono venuti a farmi gli auguri,

 **+” La vita inventata” è il titolo  ( protetto da copyright) di un volume di prossima pubblicazione.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *